Dr 2 a metano o Gpl: la nuova utilitaria rispettosa dell?ÇÖambiente. Motori, dotazioni e caratteristiche tecniche

Dopo Dr5 e Dr1 ed in attesa di Dr3, il marchio italiano Dr Motor è pronto a far debuttare ufficialmente la nuova Dr2, vettura destinata al segmento B. Lunga 3,7 m, larga 1,578 m e alta 1,527, DR2 si presenta come un'utilitaria pensata per muoversi tranquillamente per le strade della città garantendo comodità grazie allo spazio disponibile. Il motore scelto è un quattro cilindri in linea Acteco da 1.3 litri (Euro 4) declinato nelle versioni EcopPower benzina (83CV - 61kw) e bi-fuel a GPL (82CV - 60kw) o metano (75CV - 55kw).


L’alimentazione a metano e Gpl garantirà minori consumi ed emissioni di sostanze inquinanti quasi pari a zero. La decisione di queste novità in materie di motori è stata dettata dalla nuova filosofia ‘verde’ che governa il settore dell’auto, cercando di indirizzarlo verso un modo migliore di produzione delle vetture che siano il meno inquinanti possibili, per favorire una qualità dell’aria migliore. Ma ci sarà la disponibilità anche di una versione a benzina, per chi lo desiderasse, che permetterà alla vettura di raggiungere una velocità massima di 156 km/h, e raggiungere un'accelerazione da 0 a 100 di 12 secondi.
 

Dal punto di vista estetico, la Dr2 si distingue per i cerchi in lega e per paraurti e retrovisori in tinta. Buona è la dotazione tecnologica, sia per quanto riguarda il comfort che la sicurezza. Di serie sono il servosterzo, due airbag anteriori, il climatizzatore, l’apertura con telecomando, gli alzacristalli elettrici anteriori e posteriori, i retrovisori esterni regolabili elettricamente, l’impianto radio-CD/MP3, sensori di parcheggio e la vernice metallizzata. La Dr2 sarà disponibile in sei colori di carrozzeria. Al momento del lancio, i prezzi full optional sono partiranno da 9.830,00 euro per il benzina, 11.830,00 euro per il benzina-GPL e 12.830,00 per il benzina-metano.

Video: Le auto a metano e Gpl

1 COMMENTO

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato nè utilizzato per inviarti email *



Clicca qui sotto per confermare che sei una persona:

Cancel reply

1 Commento

  •  
    Francesco
    11/07/2010 alle 0:23:15

    Sicuramente gli incentivi per l'acquisto di auto GPL o Metano sono utili solo per la paranoica macchinazione politica che farà in modo che quando ci sarà un numero sufficente di autovetture a gas circolanti, questo costerà quanto (se non di più) della benzina o diesel. Finchè ci sarà l'ultima goccia di petrolio da estrarre dalla quale ricavare le accise da dividere tra i vari colori politici e per la quale vale la pena scatenare guerre, fino ad allora non avremo concrete alternative alla benzina (o diesel). Infatti, ancora oggi, come mai nessuno si chiede perchè le auto ibride (benzina/elettrica) costino uno sproposito anzichè equiparare il loro prezzo ad un'autovettura "normale"?? Perchè alla BMW è stata VIETATA la vendita delle auto ad idrogeno in Italia pena il blocco totale dell'importazione? Perchè la Fiat, che ha già pronte Multipla, Croma, Qubo, Panda ad idrogeno non le mette sul mercato??? Semplice......l'ottuso blocco dello stato nel creare gli impianti di distribuzione e, non meno importante, blocco degli aiuti dello stato che tiene in vita l'industria automobilistica italiana riconducibile a quanto sopra. Meditate gente....

T2 = 0,0000
T3 = 0,0000
T4 = 0,0000
T5 = 1.562,5000
T6 = 1.562,5000
T7 = 1.562,5000 > 29097,91 > 29097,9