• Martedì 29 Gennaio 2013 alle 10:59
Fotovoltaico italiano: ?¿ crisi nel 2012

Il 2012 è stato un anno terribile per il fotovoltaico italiano che sembra aver subìto una battuta d’arresto nel suo fulmineo percorso di sviluppo: dagli ultimi dati Ubisol pervenuti emerge, infatti, che nell’anno da poco terminato il settore ha fatturato il 69% in meno rispetto al 2011. La differenza è, dunque, molto forte. I fatturati erano di 23,2 miliardi di euro nel 2011 (relativi a 9,3 GW) contro gli appena 7,1 miliardi del 2012.
 
Ubisol, poi, ha stilato anche una classifica delle Regioni e delle Città più solari ed emerge che in Italia solo 248 Comuni (appena il 3% del totale) non hanno nemmeno un impianto fotovoltaico nel loro territorio a differenza dei restanti 7.857 centri abitati. La città italiana con più installazioni è Roma, come 5.373 impianti censiti e 102 MW di potenza, seguita da Perugia, 1.887 impianti e 51 MW di potenza; e Ravenna, con 1.741 impianti e 120 MW.

Poi ci sono Padova (1.593 impianti per 46 MW), Trento (1.400 impianti, 20 MW), Forlì (1.359, 45 MW), Rimini (1.286, 23 MW), Cesena (1.254, 39,9 MW), Sassari (1.222, 16 MW), e infine Modena con 1.215 impianti e 24,8 Mw di potenza. Il fotovoltaico italiano nel 2012 ha, dunque, dovuto affrontare una profonda crisi, dovuta all’incertezza sugli incentivi causata l’anno prima dal Governo Berlusconi e dall’ulteriore successivo taglio ai sussidi voluto dal governo Monti.

Video: Fotovoltaico italiano dopo Fukushima

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato nè utilizzato per inviarti email *



Clicca qui sotto per confermare che sei una persona:

Cancel reply
T2 = 0,0000
T3 = 0,0000
T4 = 0,0000
T5 = 0,0000
T6 = 0,0000
T7 = 0,0000 > 77391,84 > 77391,84